Home ›› NOTIZIE ›› Il 23 febbraio sciopero generale della Scuola e della Sanità, in difesa dell’istruzione e della salute pubbliche

Il 23 febbraio sciopero generale della Scuola e della Sanità, in difesa dell’istruzione e della salute pubbliche

Per la scuola manifestazione nazionale a Roma (MIUR, ore 9.30): NO al contratto miserabile, assumere tutti/e i precari/e

Il 23 febbraio la scuola sciopererà nuovamente, dopo il 10 novembre e l’8 gennaio scorsi. Alla cruciale protesta – che aveva caratterizzato lo sciopero di gennaio – delle maestre Diplomate Magistrali contro l’inqualificabile sentenza del Consiglio di Stato che ne ha messo a forte rischio il posto di lavoro e i diritti acquisiti, nello sciopero e nella manifestazione nazionale a Roma (MIUR, ore 9.30) del 23 si aggiungerà quella dei docenti ed ATA di tutti gli ordini di scuola contro un contratto miserabile, che, dopo 10 anni di blocco e di perdita salariale oltre il 20%, offre una insultante “mancetta” di 45-50 euro mensili nette e introduce negli obblighi contrattuali una parte delle schifezze della legge 107, con il sostegno e il consenso unanime di Cgil, Cisl e Uil.

Nella piattaforma con la quale abbiamo convocato lo sciopero, respingiamo il contratto miserabile e richiediamo il pieno recupero salariale almeno di quanto perso nel decennio di blocco contrattuale; la conservazione del posto in “ruolo” o nelle GAE per le maestre/i Diplomate Magistrali che vi si trovano; e vogliamo la riapertura delle GAE per tutti/e i precari/e abilitati nonché l’immissione “in ruolo” per chi ha 3 anni di servizio. Inoltre diciamo un NO secco allo strapotere dei presidi, ai ridicoli quiz Invalsi per valutare scuole, docenti e studenti, all’obbligo delle 400/200 ore di una Alternanza scuola-lavoro inutile e dannosa e al mancato rientro dei “dispersi” in tutta Italia dall’algoritmo MIUR. Richiediamo infine il ripristino della democrazia sindacale nelle scuole e la restituzione a tutti/e del diritto di assemblea in orario di servizio.

Nella stessa giornata, i COBAS hanno anche indetto lo sciopero nazionale della Sanità contro un contratto altrettanto miserevole, che si sta chiudendo in maniera disastrosa con la complicità dei sindacati di Palazzo e il codazzo delle associazioni professionali e sindacati corporativi, che hanno revocato lo sciopero, facendo credere in chissà quali passi avanti della trattativa. Un contratto inaccettabile che non prevede alcun recupero salariale di quanto perso in dieci anni di blocco, né l’adeguamento delle indennità legate alle condizioni di lavoro e di disagio ferme a 20 anni fa, né fondi per le progressioni economiche, né sblocco dei passaggi di categoria e valorizzazione dell’anzianità di servizio, né tutele per la sicurezza e la salute dei lavoratori/trici, né l’abolizione di un sistema premiante iniquo, funzionale solo al clientelismo e all’obbedienza cieca, né lo stop all’uso crescente di misure disciplinari ultra-autoritarie e arbitrarie. I COBAS scioperano e manifestano in numerose città per ottenere dei contratti veri, per fermare e invertire di segno lo smantellamento del Servizio Sanitario nazionale, la privatizzazione e l’esternalizzazione dei servizi e delle attività sanitarie che mettono a sempre più alto rischio il diritto alla salute e fanno della malattia e della sofferenza fisica e mentale un lucroso mercato che comporta un intollerabile aumento dei costi e dei disagi per i cittadini/e e una crescita esponenziale della corruzione e degli sprechi a livelli mai visti.

 

Piero Bernocchi portavoce nazionale COBAS

 

21 febbraio 2018

I COBAS hanno convocato, insieme alla CUB, all’USI e all’ADL Cobas, lo sciopero generale di tutto il lavoro dipendente, pubblico e privato, per l’intera giornata di venerdì 14 novembre. Insieme a noi promuoveranno lo sciopero, rendendolo generalizzato e sociale, anche numerose strutture dei Centri sociali e del territorio, comitati e coordinamenti dei precari, organizzazioni studentesche nazionali e locali.

Vogliamo coinvolgere nello sciopero – e nelle manifestazioni che si svolgeranno nelle principali città – anche parti significative del piccolo lavoro “autonomo”, schiacciato dalla crisi almeno quanto quello dipendente, i giovani delle partite IVA e delle decine di tipologie di precariato, e pure chi non può scioperare nelle forme tradizionali, chi non ha neanche un contratto o che addirittura lavora gratuitamente.

Continua

Anche se a tutt'oggi non è stato firmato il decreto che proroga il blocco dei contratti dei dipendenti pubblici non c'è da sperare in una ripresa della contrattazione nazionale, considerato che manca completamente la copertura finanziaria. Scatta quindi da aprile la corresponsione dell'indennità di vacanza contrattuale?
Dal punto di vista prettamente giuridico SI, eppure con il Dl 98/2011 il legislatore ha demandato all'emanazione di uno o più regolamenti per la proroga fino al 31/12/2014 di tutte le norme che limitano i trattamenti economici dei dipendenti della PA oltre che per la revisione delle modalità di calcolo dell'indennità di vacanza contrattuale.
Tirando le fila quindi, allo stato attuale non ci sono norme che vietano la corresponsione dell'indennità nello stipendio di aprile, eppure si paventa l'ipotesi dell'emanazione del regolamento in questione oltre la data di chiusura degli stipendi, con la conseguenza di dover recuperare nello stipendio di maggio le somme liquidate.

Continua