Home ›› NOTIZIE ›› Ciao BONAVENTURA

Ciao BONAVENTURA

Nella giornata di giovedì 14 marzo ci ha lasciato Bonaventura De Carolis, compagno storico negli anni 70/80 di Lotta Continua a Caserta, impegnato per tanti anni nella solidarietà con il Nicaragua, e recentemente nella costruzione di iniziative sociali a san Basilio e in tanti altri progetti a Roma e non solo.

Negli ultimi anni ha lavorato anche alla costruzione e alla funzionalità della struttura informatica dei siti e delle reti telematiche Cobas.

Perdiamo un compagno generosissimo e sempre proteso verso gli altri.

Hasta la victoria BONAVENTURA, che la terra ti sia lieve !

http://www.giuristidemocratici.it/Comunicati/post/20190315115948?fbclid=IwAR1aDjwqV2jyKxbyIZtwHZHkDFkT4bor-iGrndK9337yvN0ihvaadao-N-U

http://www.labottegadelbarbieri.org/bonaventura-de-carolis-un-compagno-generoso/?fbclid=IwAR18yPhP-aDitouXwcgcu1RK2yqbAeLtwV938b8OcV0JeEYECO7cNJhhvvg

Da Roberto Bardini

Me avisa el escritor uruguayo Horacio Verzi que falleció el fotógrafo italiano Bonaventura de Carolis, nuestro amigo de una época lejana, intensa y distinta. Lo... conocí en julio de 1985 en Managua, en la sala de redacción de la Agencia Nueva Nicaragua (ANN), y fue amistad a primera vista. Él tenía 29 años y era hijo de un empresario textil dueño de la franquicia de Levi Strauss en Nápoles. Bromista, irónico y buen cocinero, era pelirrojo y fornido, cercano a los 90 kilos, y había sido campeón de tiro al blanco en Italia. Durante un año formamos un dúo de reportero y fotógrafo como enviados a las zonas de guerra. Con el cabello cortado al rape, el uniforme camuflado, la mochila en la espalda, tres cámaras colgadas del cuello y el fusil AK-47 terciado al hombro, parecía uno de los paracaidistas franceses que combatieron en Indochina y Argelia, ensalzados por el escritor Jean Larteguy en las novelas Los Centuriones y Los Pretorianos. Los campesinos creían que era "un asesor soviético" y él detestaba que le tomaran fotos, pero le gustaba más ir a la jungla o la montaña que viajar a la playa o jugar al fútbol. Y cuando vestía de civil, tenía cierto parecido con León, "el profesional" y "perfecto asesino" de la película de Luc Besson. El primero de mayo de 1986 al mediodía nos salvamos por muy poco de caer en una emboscada de los "contras" en Jinotega, una región selvática a 162 kilómetros al noroeste de Managua y ocho kilómetros de la frontera con Honduras. Tomamos conciencia del asunto algunos días después, de regreso a la tensa normalidad de Managua. "Si nos escabechaban, hubiéramos sido una noticia de tres o cuatro párrafos en las páginas interiores de un periódico y al día siguiente nadie se acordaría de nosotros", dijo Bonaventura a las carcajadas mientras comíamos espaguetis en su casa. Más de treinta años después, Horacio Verzi lo visitó en Roma y convivió con él. Yo hablaba con ellos por Skype y planeábamos un reencuentro que ya no será: todos aquellos recuerdos ahora ingresarán en las arenas movedizas de la memoria.

Traduzione:

Mi avvisa lo scrittore uruguaiano Orazio Verzi che è morto il fotografo italiano Bonaventura De Carolis, il nostro amico di un'epoca lontana, intensa e diversa. L' ho conosciuto nel luglio 1985 a Managua, nella sala redazione dell'agenzia New Nicaragua (ann), ed è stata amicizia a prima vista. Aveva 29 anni ed era figlio di un imprenditore tessile proprietario della franchigia di Levi Strauss a Napoli. Burlone, ironico e buon cuoco, era roscio e robusto, vicino ai 90 chili, ed era stato campione di tiro al bianco in Italia. Per un anno siamo stati un duo di reporter e fotografo come inviati nelle zone di guerra. Con i capelli tagliati alla rana pescatrice, l'uniforme mimetizzato, lo zaino sulla schiena, tre telecamere appese al collo e il fucile ak-47 greggio alla spalla, sembrava uno dei paracadutisti francesi che hanno combattuto in Indocina e Algeria, elevati dal Scrittore Jean lartéguy nei romanzi i centurioni e i pretoriani. I contadini credevano che fosse "un consulente sovietico" e lui odiava che gli prendessero delle foto, ma gli piaceva di più andare nella giungla o la montagna che viaggiare in spiaggia o giocare a calcio. E quando si vestiva da civile, aveva una certa somiglianza con leone, " il professionista " e " perfetto assassino " del film di Luc Besson. Il primo maggio 1986 a mezzogiorno ci salviamo per molto poco di cadere in un'imboscata dei "contro" a jinotega, una regione silvestre a 162 chilometri a nord-Ovest di managua e otto chilometri dal confine con l'Honduras. Prendiamo coscienza della vicenda alcuni giorni dopo, di ritorno alla tesa normalità di Managua. "se ci escabechaban, saremmo stati una notizia di tre o quattro paragrafi sulle pagine interne di un giornale e il giorno dopo nessuno si ricorderebbe di noi", ha detto Bonaventura alle risate mentre mangiavamo gli spaghetti a casa sua. Più di trent'anni dopo, Orazio Verzi lo ha visitato a Roma e convivio con lui. Io parlavo con loro su skype e avevamo pianificato una rimpatriata che non sarà più: tutti quei ricordi ora entreranno nelle sabbie mobili della memoria.

 

I COBAS hanno convocato, insieme alla CUB, all’USI e all’ADL Cobas, lo sciopero generale di tutto il lavoro dipendente, pubblico e privato, per l’intera giornata di venerdì 14 novembre. Insieme a noi promuoveranno lo sciopero, rendendolo generalizzato e sociale, anche numerose strutture dei Centri sociali e del territorio, comitati e coordinamenti dei precari, organizzazioni studentesche nazionali e locali.

Vogliamo coinvolgere nello sciopero – e nelle manifestazioni che si svolgeranno nelle principali città – anche parti significative del piccolo lavoro “autonomo”, schiacciato dalla crisi almeno quanto quello dipendente, i giovani delle partite IVA e delle decine di tipologie di precariato, e pure chi non può scioperare nelle forme tradizionali, chi non ha neanche un contratto o che addirittura lavora gratuitamente.

Continua

Anche se a tutt'oggi non è stato firmato il decreto che proroga il blocco dei contratti dei dipendenti pubblici non c'è da sperare in una ripresa della contrattazione nazionale, considerato che manca completamente la copertura finanziaria. Scatta quindi da aprile la corresponsione dell'indennità di vacanza contrattuale?
Dal punto di vista prettamente giuridico SI, eppure con il Dl 98/2011 il legislatore ha demandato all'emanazione di uno o più regolamenti per la proroga fino al 31/12/2014 di tutte le norme che limitano i trattamenti economici dei dipendenti della PA oltre che per la revisione delle modalità di calcolo dell'indennità di vacanza contrattuale.
Tirando le fila quindi, allo stato attuale non ci sono norme che vietano la corresponsione dell'indennità nello stipendio di aprile, eppure si paventa l'ipotesi dell'emanazione del regolamento in questione oltre la data di chiusura degli stipendi, con la conseguenza di dover recuperare nello stipendio di maggio le somme liquidate.

Continua