Home ›› ENTI LOCALI ›› Volantini

Volantini

Difendere la polizia municipale dall'incuria degli enti locali e dallo scempio del decreto sicurezza

La polizia locale conta in Italia circa 60 mila addetti in attesa da anni di una riforma che ne definisca uno status giuridico e contrattuale ormai da troppo tempo inadatto alle reali esigenze lavorative. La legge del 1986 appare da lungo tempo inadatta e, ignorate per anni le varie proposte di riforma presentate, viene ulteriormente maltrattata dal Governo Berlusconi.

L’Assemblea Permanente delle/i Lavoratrici/ori dello 0/6 al comune di Genova

LA MOBILITAZIONE CONTRO LA RIORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO 0/6

DIVENTA CITTADINA LAVORATRICI/ORI E FAMIGLIE

UNITI CONTRO L’ACCORDO DI LUGLIO

 

Il giorno 14 gennaio, presso il Nuovo Teatro S. Siro, si è svolta l’assemblea cittadina per discutere con le famiglie sulla situazione venutasi a creare nei Nidi e nelle Scuole d’Infanzia del Comune di Genova in seguito alla Riorganizzazione del Servizio 0/6.

L’assemblea ha visto la partecipazione, oltre ai lavoratori/ci, di circa una ventina di famiglie di vari Nidi e Scuole Infanzia.

Assemblea pubblica cittadina GIOVEDI’ 14 GENNAIO al comune di Genova del personale delle scuole d'infanzia e asili nido

Assemblea Permanente delle/i Lavoratrici/ori dello 0/6

Genova, 23 /12 / 2009

Ai Presidenti dei Comitati di Partecipazione

L O R O S E D I

Oggetto: invito assemblea cittadina.

La Riorganizzazione del Servizio 0/6, stabilita dall’Accordo sottoscritto lo scorso luglio dai sindacati concertativi e dall’Amministrazione Comunale, ha gettato in una situazione di grave difficoltà le/i lavoratrici/ori e, di conseguenza, i bambini e le famiglie utenti, dei Nidi e delle Scuole d’Infanzia cittadine.

STATO DI AGITAZIONE PER IL PERSONALE DI NIDI E SCUOLE D’INFANZIA del comune di GENOVA

APPROVATO DALL’ASSEMBLEA PERMANENTE DELLE/I LAVORATRICI/ORI DELLO 0/6

PROCLAMATO da Cobas e RdB/Cub

che assicurano copertura sindacale per tutte/i le/i lavoratrici/ori

 

Sulla stabilizzazione degli insegnanti di religione al comune di Torino

A pensar male si fa peccato… ma spesso ci si azzecca!

Il Comune di Torino, su pressioni della Curia, ha deciso di stabilizzare 31 insegnanti di religione.

Perché? Sono già stabili, hanno infatti contratti di 12 mesi, riconfermati annualmente!

Perché la Cisl è così ferma e decisa nella difesa della loro stabilizzazione, come mai ha difeso

nessun’altra causa?

STRAORDINARIA ADESIONE ALLO SCIOPERO DEI LAVORATORI DI ASILI NIDO E SCUOLE D’INFANZIA DEL COMUNE DI GENOVA

SI è svolto quest’oggi lo Sciopero dei lavoratori degli ASILI Nido e Scuole d’Infanzia del Comune di Genova. Dai primi dati che abbiamo a disposizione ci risulta un’altissima adesione allo sciopero in tutte le strutture scolastiche; diverse non hanno neppure aperto.

SCIOPERO GIOVEDI’ 8 OTTOBRE ASILI NIDO E SCUOLE D’INFANZIA COMUNE DI GENOVA

NO ALL’ACCORDO SULLA ”RIORGANIZZAZIONE”
DI ASILI NIDO E SCUOLE D’INFANZIA COMUNALI!!

I COBAS hanno convocato, insieme alla CUB, all’USI e all’ADL Cobas, lo sciopero generale di tutto il lavoro dipendente, pubblico e privato, per l’intera giornata di venerdì 14 novembre. Insieme a noi promuoveranno lo sciopero, rendendolo generalizzato e sociale, anche numerose strutture dei Centri sociali e del territorio, comitati e coordinamenti dei precari, organizzazioni studentesche nazionali e locali.

Vogliamo coinvolgere nello sciopero – e nelle manifestazioni che si svolgeranno nelle principali città – anche parti significative del piccolo lavoro “autonomo”, schiacciato dalla crisi almeno quanto quello dipendente, i giovani delle partite IVA e delle decine di tipologie di precariato, e pure chi non può scioperare nelle forme tradizionali, chi non ha neanche un contratto o che addirittura lavora gratuitamente.

Continua

Anche se a tutt'oggi non è stato firmato il decreto che proroga il blocco dei contratti dei dipendenti pubblici non c'è da sperare in una ripresa della contrattazione nazionale, considerato che manca completamente la copertura finanziaria. Scatta quindi da aprile la corresponsione dell'indennità di vacanza contrattuale?
Dal punto di vista prettamente giuridico SI, eppure con il Dl 98/2011 il legislatore ha demandato all'emanazione di uno o più regolamenti per la proroga fino al 31/12/2014 di tutte le norme che limitano i trattamenti economici dei dipendenti della PA oltre che per la revisione delle modalità di calcolo dell'indennità di vacanza contrattuale.
Tirando le fila quindi, allo stato attuale non ci sono norme che vietano la corresponsione dell'indennità nello stipendio di aprile, eppure si paventa l'ipotesi dell'emanazione del regolamento in questione oltre la data di chiusura degli stipendi, con la conseguenza di dover recuperare nello stipendio di maggio le somme liquidate.

Continua